Scuola di Autoconsapevolezza "Centro VELTHE"


a cura di mArco

Pasqua 2012 Celleno (Viterbo)

L'esperienza di Pasqua è stata intensa ed unica come tutto ciò che accade in quella magica terra di Velthe, divinità etrusca della Tuscia ed in particolare di Celleno apparsa in meditazione in un particolare rituale sciamanico al fondatore del centro Pietro Catania, ivi residente con le due figlie brasiliane. Ogni volta è occasione d'incontro e conoscenza di persone nuove, Paolo viticultore Valtellinese che mi ha iniziato alla potatura del Nibbiolo o Laura, ristoratrice toscana in cerca dell'illuminazione. Per la prima volta Pietro ed io, amici da trent'anni conosciuti ad ingegneria negli anni '80 alla Sapienza di Roma, dopo aver ricercato entrambi in vie affini lui lo Yoga ed io il Tai Chi, abbiamo finalmente gestito la nostra prima pratica coordinata integrata con meditazione-preghiera finale.
Ci sono poi state pratiche di Yi Quan e Tai Chi, balli liberi alla "Osho" e gite alle terme libere lì vicino, passeggiate in notturna sotto la luna e quant'altro in un clima di vera e propria "famiglia universale" clima difficilmente sperimentabile altrove.




Pietro Catania, è il fondatore, assieme a me, Letizia, Michele, Petra e Valeria (tutti per le loro competenze specifiche) del centro multidisciplinare per l'evoluzione spirituale a partire dalla corporeità di ciascuno di noi: "Velthe" - a Celleno nel cuore della Tuscia - ove si organizzano incontri nei momenti forti di passaggio dell'anno ai quali ciascuno può partecipare condividendo le proprie realizzazioni consolidate o collaborando con un offerta alle spese della vita del centro in ragione dei propri mezzi economici).



Capodanno 2012


Eravamo da quattro giorni a Celleno nel centro di Pietro Catania, un maestro di Yoga proprio a pochi chilometri da Soriano nel Cimino e quello che doveva essere uno stage di noi tre maestri di varie discipline si è trasformato per "volontà propria" in un esperienza potentissima con tutt'altre persone ed energie e dinamiche completamente diverse da quelle che ci aspettavamo quando l'avevamo organizzato ma potentissime e veramente impressionanti ... noi, seguendo il Tao, abbiamo assecondato questo flusso potentissimo che si stava manifestando consapevoli che il tutto trascendesse le singole individualità e personalità di coloro che l'avevano organizzato.


Meditation Center of Celleno 'Sun and Moon'






Centro VELTHE
Strada Canne, 10/A Celleno (VT)
Cell. 333 707 4934
E-Mail: pietrocelleno@gmail.com

panorama
Arjuna chiede: "- O progenie dei Potenti, che cosa spinge l'uomo, anche contro il suo volere, a compiere il male, quasi che a forza vi fosse costretto?" Il Signore disse: "Lo spingono il desiderio e la collera, entrambi nati da rajas (azione) , l'uno colmo di di brama, l'altro colmo di odio. Sappi che questi sono i peggiori nemici dell'uomo. Come il fuoco è coperto dal fumo, come lo specchio è coperto dalla polvere, come l'embrione è coperto dall'utero, così la saggezza è coperta dalla passione. Da questo eterno nemico dei saggi è coperta la saggezza, o figlio di Kunti, sotto forma di brama e di inestinguibile fuoco. Questo nemico si dice dimora nei sensi, nella mente, nell'intelletto; attraverso di essi offusca la saggezza dell'anima incarnata. Perciò, o migliore fra i discendenti di Bharata, dapprima disciplina i tuoi sensi, poi annienta il malvagio distruttore della conoscenza differenziata ed indifferenziata. I sensi, si dice, sono superiori agli oggetti; la mente è superiore ai sensi; l'intelletto è superiore alla mente; al di sopra dell'intelletto c'é Lui. In tal modo consapevole (la consapevolezza ..l'unica cosa che permane insieme all'amore donato e ricevuto di tutta la nostra esistenza materiale terrena .. come abbiamo detto domenica) che è superiore all'intelletto, concentrati su di Lui, o tu dalle braccia possenti , e sconfiggi il nemico, che ha forma di insaziabile passione."

Bhagavad Gita cap.3 versetti 36-43
© Copyright 2020 - TaiChiChen.it Ultimo aggiornamento 17/02/2018
Generata in 0.013 secondi